RICORDO DI UN FOLKLORISTA

Grande successo per la manifestazione che si è tenuta nei giorni scorsi a Piverone ad opera del gruppo folcloristico locale per ricordare il socio fondatore Alfredo Samperi. "Il tempo è passato in fretta -afferma Serena Favàro, Presidente del Gruppo Folcloristico- ma il ricordo di Alfredo rimane indelebile. Per questo motivo oggi gli intitoliamo la sala espositiva "Tracce. pietra su pietra. Mattone su mattone". Il percorso storico-archeologico è stato ideato da Alfredo, approfondito e realizzato in collaborazione con il prof. Christian Parolo e alcuni componenti del gruppo". Pietra su pietra, mattone su mattone proprio per dare l'idea della volontà e della fatica delle antiche generazioni di mettere le radici per costruire un futuro. "Quello che da oggi diventa accessibile a tutti - dichiara il prof. Parolo - è l'ultimo dono che Alfredo ha voluto fare ai suoi amici e concittadini di Piverone e a tutti coloro che amano la cultura. Era un fervente sostenitore della cultura in ogni sua forma e, in una delle ultime chiacchierate, si mostrò preoccupato del rischio di un imbarbarimento della società dovuta alla perdita della memoria storica, culturale di ciò che è bello. Questo suo ultimo dono, la cripta, vuole essere un modo perchè ciò non avvenga". All'iniziativa hanno partecipato gli allievi della scuola di Piverone offrendo al paese, attraverso una raccolta, la riproduzione dell'opera de "Il suonatore" di Alfredo Samperi. Luciana Franza, vedova di Samperi, ha ringraziato tutti coloro che sono intervenuti nel ricordo di Alfredo. La targa commemorativa è stata realizzata a mano dall'artigiano di Castellamonte Corrado Camerlo; al taglio del nastro per l'inaugurazione erano presenti il padrino e la madrina del gruppo folcloristico, Enrica Zublena e Ferruccio Ollearo oltre ai numerosi componenti del gruppo.